16. Roma collabora

,
16. Roma collabora

Descrizione breve
Abilitare la partecipazione e la collaborazione e promuovere le forme dell’amministrazione condivisa, coinvolgendo la cittadinanza nelle decisioni strategiche e nella progettazione e programmazione degli interventi per la città, attraverso l’utilizzo di sistemi informativi e open data.

Obiettivo generale
Favorire la collaborazione attiva della cittadinanza grazie alla trasparenza dell’azione amministrativa e all’accessibilità alle informazioni sull’operato dell’amministrazione. Assicurare al cittadino la possibilità di conoscere, controllare e valutare l’operato della giunta e dell’amministrazione comunale.

Obiettivi specifici
Obiettivo n.1 – Open assemblea e Open Commissioni
Streaming delle sedute, con traduttori LIS (lingua dei segni) per quelle più strategiche e con funzionalità di ricerca.
Obiettivo n.2 – Consulta Permanente per l’Innovazione e del Forum Innovatori
Attivazione della Consulta Permanente per l’Innovazione e del Forum Innovatori del personale del Comune.
Obiettivo n.3 – Open bilancio
Bilancio pubblicato online in modo trasparente e comprensibile (anche con infografiche) per i cittadini che vogliono conoscere le spese sostenute dall’amministrazione. Pubblicazione delle spese degli staff degli organi di indirizzo politico.
Obiettivo n.4 – Uffici Open
Sportello unico URP online, aperto e con chat e videochat. Uffici consultabili online e aperti in rete al pubblico, anche per assistenza, con un canale video per permettere la fruizione del servizio senza la presenza fisica del cittadino.
Obiettivo n.5 – Strategia della partecipazione
5.1 Piano di alfabetizzazione alla partecipazione anche attraverso le tecnologie digitali (entro 30.09.2016).
5.2 Avvio spazio petizioni sul web per richieste – idee – proposte per Roma semplice (entro 30.09.2016).
5.3 Piano di comunicazione sui diritti e le opportunità della partecipazione (entro 31.03.2017).
5.4 Adozione del nuovo regolamento capitolino per gli istituti di partecipazione e di iniziativa popolare, anche con modifica dello Statuto di Roma Capitale, che permetta la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali mediante un’implementazione concreta degli strumenti di democrazia partecipata e diretta, come ad esempio il referendum propositivo e le petizioni popolari elettroniche (entro 31.03.2017).
5.5 Messa a regime del portale della partecipazione (entro 31.03.2018).

Risultati attesi
I principali risultati sono: il coinvolgimento dei cittadini attraverso la definizione di un piano di comunicazione sui diritti e le opportunità della partecipazione; un programma di alfabetizzazione alla partecipazione anche attraverso le tecnologie digitali; definizione e realizzazione di uno spazio pubblico sul sito web di Roma Capitale; istituzione della Consulta Permanente dell’Innovazione; strumenti e attività di trasparenza sulle attività dell’amministrazione; disponibilità degli open data legata alla massima significatività, con l’impegno dell’amministrazione per massimizzarne il riuso.

 

Ultimo aggiornamento 9/01/2017