OpenCoesione ha appena festeggiato quattro anni dal lancio del portale, una storia lunga per un’iniziativa di open government, attraversata sia da fasi di forte impulso, sia dalla riorganizzazione del Nucleo che coordina l’iniziativa, in atto dal 2013, ma è sempre stata in grado di mantenere gli impegni assunti e di ottenere riconoscimenti internazionali fino ai massimi livelli.

Quando, ad aprile 2012, l’Italia lanciò il suo primo Action Plan OGP, OpenCoesione ancora non aveva un nome e, tra gli impegni allora presi dal nostro Paese, c’era la pubblicazione del “Sistema informativo sullo stato di avanzamento di tutti gli interventi della programmazione regionale unitaria”, il prodotto di una strategia ancora in corso di definizione, che di lì a pochi mesi, a luglio 2012, sarebbe diventato il portale www.opencoesione.gov.it.

Alla trasparenza garantita dal portale si sono presto affiancate iniziative di partecipazione e monitoraggio civico, a partire da Monithon, la piattaforma indipendente che raccoglie, per alcuni dei progetti finanziati dalle politiche di coesione, le evidenze rilevate dai cittadini che hanno voluto approfondire di persona come sono state spese le risorse disponibili e condividere la propria esperienza.

Dal 2013 è operativo anche “A Scuola di OpenCoesione”, il progetto di didattica sperimentale realizzato nell’ambito dell’iniziativa OpenCoesione, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, rivolto alle istituzioni scolastiche. Fino ad oggi hanno partecipato quasi 5.000 studenti delle scuole superiori, con il sostegno dei Centri di Informazione Europe Direct e il contributo di selezionate associazioni attive sui temi delle politiche di coesione, realizzando ricerche tematiche a partire dai progetti finanziati, attraverso l’impiego di tecnologie di informazione e comunicazione e mediante l’uso dei dati in formato aperto.

Grazie anche al sostegno di Amministrazioni e organizzazioni della società civile, a settembre 2014 OpenCoesione e Monithon hanno raggiunto il 4° posto tra i Paesi OGP nella prima edizione degli Open Government Awards dedicati al tema di citizen engagement, regalando all’Italia il Silver Award consegnato alla presenza del Presidente USA Barack Obama presso la sede delle Nazioni Unite.

Oggi OpenCoesione, in un percorso di costante evoluzione, porta nuovi impegni nel Terzo Action Plan OGP per l’Italia, per valorizzare anche in questa chiave la collaborazione con altre Amministrazioni e con organizzazioni della società civile, sia sul tema della trasparenza e accountability dell’azione amministrativa attraverso la pubblicazione di nuovi open data sul portale OpenCoesione sia su quello della partecipazione, a partire da quanto realizzato con A Scuola di OpenCoesione.

L’azione OpenCoesione Plus prevede dunque diversi impegni: quello più arduo, perché implica una piena condivisione di intenti tra le Amministrazioni che decidono come spendere le risorse, riguarda la pubblicazione delle informazioni relative a tutte le decisioni di programmazione e alle varie successive riallocazioni, rimodulazioni e tagli, soprattutto riguardo alle risorse nazionali, per seguire la fisiologica evoluzione del quadro programmatico: un’esigenza che risponde non soltanto a bisogni di un’Amministrazione di coordinamento delle politiche, ma anche a istanze emerse nei tavoli di lavoro con la società civile, ad esempio sulla disponibilità di open data relativi alle decisioni di finanziamento adottate con delibere del CIPE.

Sempre nella dimensione della trasparenza e dell’accountability, un altro impegno riguarda la definizione e adozione di standard tecnici per la pubblicazione sui siti delle singole Amministrazioni titolari di Programmi delle informazioni su opportunità di finanziamento e su bandi di gara e di concorso promossi da tutti i soggetti che aderiscono ai Programmi. Tali standard, che si basano, in particolare per bandi di gara e di concorso, su quanto già previsto per i dati contenuti nella sezione “Amministrazione Trasparente” oggetto di un’altra azione dell’Action Plan, Amministrazione (più) trasparente, attuata dall’Autorità Nazionale Anticorruzione, sono finalizzati in primis, a facilitare un pieno riuso delle informazioni pubblicate e a garantire che queste siano rese disponibili per tutti i soggetti che possono spendere risorse per la coesione, quindi a favorirne prima la convergenza sui siti delle singole Amministrazioni titolari di Programmi e poi la ripubblicazione sul portale OpenCoesione. In questo modo il valore riconosciuto a OpenCoesione di rendere navigabili e ricercabili tutti i dati sull’attuazione dei progetti attraverso un unico punto di accesso, si estende anche alle informazioni su processi sottostanti all’attuazione dei progetti, quali la presenza di opportunità di finanziamento di nuovi progetti e i bandi di gara e di concorso per selezionare i soggetti chiamati alla realizzazione dei progetti stessi.

In ultimo, in tema di partecipazione e cittadinanza attiva, l’ulteriore impegno è per il rafforzamento di A Scuola di OpenCoesione, un progetto rivolto ai giovani studenti per l’acquisizione di competenze digitali e soprattutto per la promozione di un senso civico che favorisca la collaborazione con le Amministrazioni per assicurare al territorio che i progetti finanziati dalle politiche di coesione portino effettivamente i risultati attesi.

In questo senso, l’impegno è finalizzato, oltre che ad un ampliamento della platea di scuole e studenti partecipanti, anche a garantire un maggiore peso al feedback che le scuole offrono alle Amministrazioni e a mantenere elevata la motivazione di scuole e studenti per la produzione di ricerche di livello sempre più elevato.

Nel pieno spirito open government di un’Amministrazione aperta all’ascolto, l’invito di OpenCoesione è dunque a fornire ulteriori spunti sugli impegni dell’azione OpenCoesione Plus e delle altre azioni, per la stesura della versione finale del Terzo Action Plan, nella sezione del sito www.open.gov.it dedicata alla consultazione pubblica.

Carlo Amati, Comitato Tecnico Scientifico OpenCoesione
Simona De Luca, Nucleo di Valutazione e Analisi per la Programmazione (NUVAP), Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Fino al 31 Agosto è possibile partecipare alla consultazione su questa azione lasciando un commento in questa pagina