Milano Trasparente: Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati

Consultazione chiusa

Questa Azione è stata sottoposta a consultazione pubblica dal 16 luglio 2016 al 31 agosto 2016. Tutti i contributi inviati dagli utenti sono visualizzabili in fondo alla pagina.

11.
Milano Trasparente:
Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati

 

Descrizione breve
Pubblicare ogni atto utile a valutare l’attività dei consiglieri e degli assessori e di ogni atto approvato da Giunta, Consiglio comunale e municipi.

 

Obiettivo generale
Valorizzare il lavoro istituzionale dei decisori pubblici rendendo il Consiglio comunale, la giunta e i municipi i primi luoghi della partecipazione attraverso soluzioni infrastrutturali che consentano di visualizzare tutte le informazioni sulle loro attività e performance in un ambiente integrato e facilmente usabile.

 

Amministrazione responsabile Altre PA coinvolte Altri soggetti coinvolti Periodo di attuazione
Comune di Milano Municipi del Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano Associazioni, fondazioni e università attive nei settori della trasparenza e accountability

2016 -2017

Azione Nuova

Azione già in corso

 

Situazione attuale
Milano ha sviluppato diverse iniziative di apertura alla trasparenza e alla partecipazione nel corso degli ultimi anni, tra cui l’aggiornamento dello Statuto e dei regolamenti comunali a nuove forme di iniziativa popolare attivabili anche online, nuove linee guida sull’urbanistica partecipativa e un progetto sperimentale di bilancio partecipativo. Il sito internet del Comune è stato recentemente rinnovato ed è oggi molto più accogliente e usabile ma tutte queste iniziative sono ancora disseminate graficamente e organizzativamente in aree autonome e spesso non coordinate. È un caso quello delle anagrafiche e delle attività dei consiglieri, informazioni oggi disseminate nelle aree di amministrazione trasparente, nell’albo pretorio, nell’area comunicazione, nel servizio web streaming, nella intranet. Servizi da raggruppare e potenziare con strumenti di valutazione, al momento assenti.

 

Risultati attesi
La riorganizzazione dei contenuti e la parametrazione delle attività offre ai cittadini la possibilità di conoscere le attività degli organi istituzionali rendendoli il primo luogo della partecipazione e favorendo l’intervento e l’interazione dei cittadini con gli eletti e i nominati. Conoscere le attività e le procedure in corso aiuterà a garantire trasparenza, organizzazione di iniziative popolari e ricerche di archivio che ricostruiscono la prospettiva storica e di contesto della produzione normativa e di sindacato ispettivo degli organi istituzionali.

 

IMPEGNI SPECIFICI E TIMELINE

 

1. Consultazioni con gli uffici preposti e con la società civile per la definizione delle caratteristiche della piattaforma.

Dicembre 2016

Impegno nuovo Impegno già in corso

 

2. Pubblicazione dell’anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati e del riordino delle informazioni accessibili online.

Gennaio 2017

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

Vuoi saperne di più su questa Azione? Leggi il post di presentazione.

4 Commenti

  1. marco geremia carlo bava

    il legame con i cittadini deve essere più diretto dando agli stessi la possibilità’ non solo di conoscere preventivamente ma anche di interloquire

    Rispondi
  2. Antonio Gaeta

    La valutazione da parte del cittadino sull’azione del personale politico è inferita dalla Pubblica Opinione.Reference

    Rispondi
  3. Laura Strano

    Non risulta chiaro perché siano stati selezionati progetti solo per alcuni Comuni: Milano ( Milano trasparente Anagrafe pubblico degli eletti e dei nominati ) , Firenze (Open data ) Roma ( Roma collabora e Roma Capitale Agenda trasparente , Bologna ( delibera e trasforma ) , Lecce (Start-up in comune ).
    Quali rappresentanti dei Comuni sono stati convocati e quali hanno partecipato al tavolo ? Per trasparenza l’elenco dovrebbe indicarli.
    Al fine di dimostrare che l’opportunità di partecipare è data a tutte le Amministrazioni propongo che sia inserito tra gli impegni un BANDO PUBBLICO con relativo premio cui possano concorrere tutte le PA. In sintesi :
    Descrizione breve: PROGETTARE IN TRASPARENZA
    divulgare la cultura della trasparenza tra i cittadini
    Obiettivo generale: assicurare l’effettività dei diritti di trasparenza
    Amministrazione Responsabile : Funzione Pubblica e cittadini sui social
    Situazione attuale:
    Risultati attesi: diffusione delle idee, confronto e stimolo alla progettazione
    Impegni specifici : adozione di un bando pubblico
    Presentazione dei progetti in un gruppo Facebook appositamente creato e valutazione da parte dei cittadini. Ogni Amministrazione inserirà un post nel gruppo in cui spiegherà ai cittadini il progetto.
    I cittadini voteranno il progetto su facebook con un like o inserendo il questionario.
    Il progetto o i progetti realizzabili maggiormente votati o ritenuti maggiormente rispondenti alle finalità avranno il sostegno e il supporto da parte del Ministero per la loro realizzazione.

    Rispondi
  4. Mattia Anzaldi - Riparte il futuro

    Noi crediamo che l’azione di monitoraggio da parte dei cittadini debba cominciare già durante la campagna elettorale e non solo una volta che i candidati sono stati eletti.
    Siamo convinti che si possa fare qualche sforzo in più per garantire a tutti i cittadini di conoscere alcuni dati essenziali sui candidati in lizza, così come è stato fatto in occasione dell’ultima tornata elettorale amministrativa da “Sai chi voti” (www.saichivoti.it), campagna promossa da molte associazioni italiane.
    In particolare, si potrebbe prevedere un portale digitale in cui tutti i candidati compilino un form relativo alla loro formazione e storia professionale, ai potenziali conflitti d’interesse, allo status giudiziario e alla situazione patrimoniale e reddituale.

    Oggi la domanda di trasparenza da parte dei cittadini è particolarmente forte; occorre solo metterli nelle condizioni di monitorare, introducendo quegli strumenti che rendano vantaggiosa l’adozione della trasparenza (in campagna elettorale ad esempio contribuisce ad un evidente vantaggio competitivo sui candidati non aderenti) e che forniscano pubblicamente i dati necessari a verificare la correttezza delle singole dichiarazioni.

    Per quanto riguarda la trasparenza dei nominati, sarebbe opportuno che per tutti i ruoli apicali delle società partecipate dal Comune, venissero istituite audizioni pubbliche con precedente pubblicazione sul web del curriculum degli aspiranti alla carica di consigliere o di direttore generale.

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *