Monitora la Buona scuola

Consultazione chiusa

Questa Azione è stata sottoposta a consultazione pubblica dal 16 luglio 2016 al 31 agosto 2016. Tutti i contributi inviati dagli utenti sono visualizzabili in fondo alla pagina.

23.
Monitora la buona scuola

 

Descrizione breve
Sviluppare un strategia di accountability associata all’attuazione della riforma della Buona Scuola, incentrata su un sistema di app e servizi mobile

 

Obiettivo generale
Il progetto intende elevare il livello di accountability e partecipazione rispetto all’attuazione della Buona Scuola, con particolare riferimento per quegli stakeholder, come famiglie e studenti, che non hanno una interazione “diretta” a livello amministrativo con il Ministero ma che costituiscono i principali beneficiari delle politiche educative.

Il sistema di app servirà principalmente:

  • a migliorare la conoscibilità delle politiche e della loro attuazione, attraverso un’organizzazione semplice delle informazioni (sia come singolo intervento che come insieme) e un sistema di notifiche su ogni aggiornamenti;
  • a sviluppare una relazione di monitoraggio tra il Ministero, le scuole ed i propri stakeholder, famiglie in primis, permettendo ad esempio alle famiglie di integrare o valutare le informazioni contenute nell’applicativo;
  • a migliorare il dato amministrativo attraverso la raccolta di micro-dati attraverso gli applicativi da parte degli utenti, e l’integrazione con informazioni prodotte da altre amministrazioni (es. MISE per Piano BUL).

 

Amministrazione responsabile Altre PA coinvolte Altri soggetti coinvolti Periodo di attuazione
MIUR Enti locali, Regioni, Scuole, Ministeri coinvolti su alcuni flussi di dati (es. Ministero per lo Sviluppo Economico) Tutti i soggetti interessati della società civile e del settore privato

2016 – 2017

Azione Nuova

Azione già in corso

 

Situazione attuale
La Buona Scuola, come riforma dell’intero sistema educativo, è una politica complessa e richiede strumenti di accountability in grado di permettere agli stakeholder del Ministero, in particolare studenti e famiglie, ma anche semplici cittadini, di conoscere e monitorare l’effettiva realizzazione delle azioni messe in campo e di valutarne l’efficacia.

Risultati attesi
Ad oggi è stata lanciata (Maggio 2016) la app per monitorare gli interventi in Edilizia Scolastica (le risorse stanziate dal 2014 ad oggi sono complessivamente circa 6 miliardi di Euro utilizzati per finanziare oltre 18,000 interventi)

Sono in corso di progettazione le app “La Buona Scuola digitale” per monitorare gli investimenti e le azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale, e la piattaforma per monitorare accordi e risultati dell’Alternanza Scuola-Lavoro.

Le app permetteranno attraverso dati accessibili e riusabili e una grafica semplice e intuitiva di creare un’interfaccia facile e immediata tra le azioni del MIUR nel campo dell’edilizia scolastica e dell’innovazione digitale. Il cittadino potrà così verificare quanto i finanziamenti e gli interventi incidano su ogni realtà scolastica.
L’uso di mappe e notifiche push permetterà di avere un monitoraggio intuitivo delle azioni a livello nazionale, regionale, comunale, aggiornato in tempo reale su progetti, finanziamenti, avvisi, opportunità. Le app saranno l’interfaccia user friendly degli applicativi su piattaforma che per entrambi gli argomenti si stanno realizzando a partire dai siti tematici già attivi dal 2015, anch’essi consultabili in modalità web responsive.

 

IMPEGNI SPECIFICI E TIMELINE

 

1. Lancio della prima release della piattaforma per il monitoraggio dell’Alternanza Scuola-Lavoro.

Settembre 2016

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

2. Lancio della prima release dell’app “La Buona Scuola Digitale”.

Ottobre 2016

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

3. Arricchimento della app “La Buona Scuola Digitale” con i dati dell’Osservatorio Tecnologico e rafforzando le funzionalità di raccolta di informazioni da parte di utenti certificati.

Gennaio 2017

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

4. Seconda release della app per l’Edilizia Scolastica.

Ottobre 2016

Impegno nuovo

Impegno già in corso

2 Commenti

  1. Rosanna

    Per favore, non parliamo di “buona scuola” se le remunerazioni dei docenti e le risorse a disposizione del sistema, fino a quello della istruzione superiore, sono di fatto i più bassi in Europa. Il riassetto del sistema liceale poi è tutto da rivedere! L’autonomia scolastica è sparita con i vincoli delle cattedre… La teoria è qui ben lontana dalla realtà, credetemi !

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *