Segui la BUL

Consultazione chiusa

Questa Azione è stata sottoposta a consultazione pubblica dal 16 luglio 2016 al 31 agosto 2016. Tutti i contributi inviati dagli utenti sono visualizzabili in fondo alla pagina.

18.
Segui la BUL

 

Descrizione breve
Sviluppare il sito web bandalarga.it quale strumento per il monitoraggio del piano nazionale banda ultralarga che evidenzi i singoli cantieri aperti sul territorio, unitamente ad una sezione open data con la quale potranno essere sviluppate nuove applicazioni e servizi.

 

Obiettivo generale
Fornire ad ogni cittadino la possibilità di monitorare lo sviluppo del piano nazionale per la banda ultralarga e di accedere ai relativi dati in formato open.

 

Amministrazione responsabile Altre PA coinvolte Altri soggetti coinvolti Periodo di attuazione
Ministero dello sviluppo economico Regioni, ANCI

2016 -2017

Azione Nuova

Azione già in corso

 

Situazione attuale
Oggi i cittadini hanno accesso ai dati aggregati sul sito bandaultralarga.italia.it., ma non alle informazioni puntuali e geolocalizzate sullo stato di attuazione del piano nazionale banda ultralarga.

 

Risultati attesi
Creazione di una sezione dedicata al monitoraggio sui cantieri aperti sul territorio. Creazione di data set aperti relativi ai cantieri.

 

IMPEGNI SPECIFICI E TIMELINE

 

1. Creazione di una sezione dedicata al monitoraggio dei cantieri sul sito web bandaultralarga.italia.it. Novembre 2016
Impegno nuovo Impegno già in corso

 

2. Creazione del collegamento con il catasto nazionale del sottosuolo SINFI per lo scambio e la sincronizzazione dei dati. Aprile 2017
Impegno nuovo Impegno già in corso

 

3. Predisposizione dei data set relativi ai cantieri e allo stato dei lavori in formato Open Data. Aprile 2017
Impegno nuovo Impegno già in corso

 

4. Lancio della sezione del sito dedicata al monitoraggio e diffusione dei data set Open Data per lo sviluppo di nuove applicazioni civiche. Maggio 2017
Impegno nuovo Impegno già in corso

 

Vuoi saperne di più su questa Azione? Leggi il post di presentazione.

4 Commenti

  1. patrizia saggini

    Oltre al monitoraggio dei cantieri per la BUL sarebbe estremamente utile per gli utenti integrare i dati delle reti BUL con i riferimenti del o dei gestori che offrono servizi in un determinato tratto o località, la capacità e la tipologia di banda disponibile, e soprattutto le condizioni economiche offerte.
    E’ un passo essenziale verso la trasparenza per l’accesso alle reti, che può dare maggiori informazioni a chi conosce poco la materia.Reference

    Rispondi
    • Ciro Spataro

      quello che propone Patrizia Saggini sarebbe fantastico: un analisi comparativa online tra tutti gli operatori provider di connettività, con una mappa sempre online dove in base alla localizzazione selezionata (casa mia – ufficio mio – azienda mia), visualizzare la presenza di tutti gli operatori disponibili e le relative offerte (Mb di banda fornita e costo del servizio richiesto).
      Semplicemente meraviglioso. L’utente farebbe la scelta sulla base della totalità dei dati/informazioni disponibili.

      Rispondi
  2. Pierluigi Cara

    I dataset che verranno prodotti è importante che vengano rilasciati come Open Data di qualità, con particolare riferimento alla frequenza di aggiornamento, alle ontologie utilizzate ed alla metadocumentazione secondo RNDT/DCAT-AP-IT di AgID, a seconda che siano o meno dati geografici, per garantire anche l’interoperabilità con i portali nazionali di AgID ed europei.
    Sarebbe anche interessante introdurre la possibilità da parte di cittadini e stakeholder di segnalare carenze, integrazioni e inadempimenti sui singoli cantieri.

    Rispondi
  3. marco geremia carlo bava

    Visto che si stanno delineando dei possibili doppioni di rete di cui una parte utilizza fondi pubblici (ENEL) varrebbe la pena di evitare questi sprechi, si farebbe prima e meglio a costi inferiori

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *