Portale delle valutazioni e autorizzazioni ambientali VAS-VIA-AIA

CONSULTAZIONE CHIUSA – Questa sezione fa parte dell’Addendum al Terzo Piano d’Azione Nazionale ed è stata in consultazione dall’8 maggio 2017 al 7 giugno 2017

A4. Portale delle valutazioni e autorizzazioni ambientali VAS-VIA-AIA

Descrizione breve
Implementazione dell’attuale Portale delle Valutazioni ambientali VAS-VIA per una efficace informazione anche sui procedimenti di AIA di competenza statale.

Obiettivo generale
Trasparenza ed efficace informazione sui procedimenti di valutazione e autorizzazione ambientale

Amministrazione responsabile Altre PA coinvolte Altri soggetti coinvolti Periodo di attuazione
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare – Direzione per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali – Divisione II
2017 -2018
(Antonio Venditti)

2017 -2018

Azione Nuova

Azione già in corso


Situazione attuale
Portali separati con informazioni non omogenee

Risultati attesi
Unico portale con informazioni omogenee.

IMPEGNI SPECIFICI E TIMELINE

 

1. Analisi dell’attuale funzionamento del Portale AIA.

Aprile 2017

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

2. Progettazione nuovo portale VAS-VIA-AIA.

Dicembre 2017

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

3. Progettazione nuovo portale VAS-VIA-AIA.

Giugno 2018

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

4. Messa in linea nuovo portale VAS-VIA-AIA.

Giugno 2018

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

AGGIORNAMENTO: Il 9 maggio 2017 è stato corretto a) il titolo della scheda 2) il periodo di attuazione (“2017-2018” al posto di 2016-2018). Al momento della modifica non erano ancora stati inviati commenti.

 

1 commento

  1. Erika Munno

    L’azione è molto utile e interessante. Aggiungo solo uno spunto pratico essendo frequentatrice del portale in oggetto: per ogni procedimento, assieme alla cartella con tutti i documenti correlati, sarebbe opportuno pubblicare anche una scheda di sintesi delle principali informazioni del procedimento (es. data di indizione, amministrazioni coinvolte, cronoprogramma delle fasi del procedimento con relativo stato ecc.). La scheda dovrebbe quindi avere sia la finalità di migliorare la fruizione delle informazioni da parte dell’utente (ricercare informazioni negli atti del procedimento è spesso lungo e dispendioso) sia accrescere ulteriormente l’omogeneità dei dati, per le amministrazioni che li devono produrre e per chi li utilizza.

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *