Regolamento unico per l’accesso e informatizzazione delle procedure

Questa sezione fa parte dell’Addendum al Terzo Piano d’Azione Nazionale in consultazione dall’8 maggio 2017 al 7 giugno 2017
Istruzioni per la consultazione

Per commentare l’intera azione, basta utilizzare il box “Invia commento” in fondo alla pagina. È possibile anche lasciare un commento su un punto specifico seguendo questi passaggi:

  1. Passare il cursore sul punto che si intende commentare finché sulla destra non appare il simbolo.
  2. Premendo il simbolo si aprirà un box per il testo.
  3. Scrivere il commento e riempire i campi “Nome” ed “Email” (richiesto solo se non si è già utenti del sito). Premere “Commento all’articolo” per confermare.

A2. Regolamento unico per l’accesso e informatizzazione delle procedure

Descrizione breve
Adottare un Regolamento Unico per la disciplina delle tre forme di accesso oggi vigenti:
– Accesso agli atti amministrativi: disciplinato dagli artt. 22 e ss. della l. n. 241/1990;
– Accesso civico semplice: introdotto dall’art. 5 comma 1 del d.lgs. 33/2013;
– Accesso generalizzato: introdotto dall’art. 5 comma 2 del d.lgs. n. 33/2013 modificato dal d.lgs. 97/2016.
Attraverso anche la realizzazione di un apposito applicativo per la gestione delle procedure.

Obiettivo generale
Definire soggetti, ruoli, attività e responsabilità collegati alla gestione delle tre forme d’accesso ai dati, documenti e informazioni che oggi prevede la nostra legislazione. Attenuare quanto più possibile gli impatti dell’accesso sull’ordinaria azione amministrativa anche attraverso l’implementazione di sistemi di gestione informatizzata delle procedure di evasione delle istanze.

Amministrazione responsabile Altre PA coinvolte Altri soggetti coinvolti Periodo di attuazione
INAIL
(Alessandro Pastorelli)
 Open Government Forum

2016 -2018

Azione Nuova

Azione già in corso


Situazione attuale
Attesa la novità delle disposizioni normative che hanno ridisegnato il quadro delle diverse forme d’accesso (da ultimo il D.Lgs. n. 97/2016 – FOIA), non risultano ancora disciplinate formalmente le procedure per una gestione coordinata e uniforme delle diverse istanze.

Risultati attesi
Unicità e uniformità di indirizzo nell’applicazione dei criteri per la gestione degli accessi. Incremento dell’efficienza organizzativa. Economicità dell’azione amministrativa.
Evitare disparità di trattamento tra diversi utenti.
Innalzare il livello di trasparenza.

IMPEGNI SPECIFICI E TIMELINE

 

1. Costituzione di un apposito gruppo di lavoro. Raccolta del materiale tecnico giuridico. Ricognizione delle esigenze organizzative.

Giugno 2017

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

2. Stesura e adozione del Codice Unico dell’accesso. 

Giugno 2018

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

3. Analisi e Sviluppo di un apposito software sia per l’inoltro on line delle istanze tramite il portale sia, in back office, per lo smistamento, per la gestione di un registro unico degli accessi, per la creazione di un repertorio delle linee guida emanate dalla struttura di coordinamento.

Giugno 2018

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

4. Messa in esercizio dell’applicativo per la gestione on line delle tre forme d’accesso oggi vigenti (documentale, civico semplice e civico generalizzato) e della gestione back office delle stesse.

Giugno 2018

Impegno nuovo

Impegno già in corso

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *