Cos’è l’Open Government Partnership e come funziona?

L’Open Government Partnership (OGP) è un’iniziativa internazionale che mira a ottenere impegni concreti dai Governi in termini di promozione della trasparenza, di sostegno alla partecipazione civica, di lotta alla corruzione e di diffusione, dentro e fuori le Pubbliche Amministrazioni, di nuove tecnologie a sostegno dell’innovazione.

L’Open Government Partnership è stata lanciata ufficialmente il 20 settembre 2011 da otto Paesi (Brasile, Gran Bretagna, Indonesia, Messico, Norvegia, Repubblica delle Filippine, Sudafrica e Stati Uniti): da allora il numero di Paesi aderenti è cresciuto costantemente fino a includere 70 membri.

I Paesi aderenti hanno approvato la Open Government Declaration, con la quale si impegnano ad intraprendere nuove iniziative nell’ambito dell’open government. Tra queste:

  1. lo sviluppo, con il pieno coinvolgimento della società civile e delle PA, di un Piano d’Azione (Action Plan) di durata biennale che raccoglie impegni e progetti sui temi d’interesse dell’OGP;
  2. la produzione di auto-valutazioni e report indipendenti sui progressi compiuti;
  3. la diffusione dell’open government in altri Paesi tramite lo scambio di best practice, assistenza tecnica, tecnologie e risorse.

Nello spirito di una collaborazione multi-stakeholder, l’OGP è guidata da uno Steering Committee, ovvero un consiglio che comprende rappresentanti dei Governi e della società civile. A supporto delle attività e degli obiettivi dell’OGP è stato inoltre creato l’OGP Support Unit, un piccolo segretariato permanente che lavora a stretto contatto con lo Steering Committee.

Credits Foto: OGP