Si svolge il 6 dicembre 2021 l’incontro organizzato da Autorità Nazionale AntiCorruzione (ANAC) e Open Contracting Partnership (OCP) dal titolo “Open contracting to improve procurement in Italy”. Gli obiettivi dell’incontro sono:

  • presentare le nuove offerte di dati di ANAC agli stakeholder locali e dialogare con le varie realtà sociali sul tema della trasparenza e della pubblicazione di dati, accessibili e confrontabili;
  • condividere e scambiare buone pratiche a livello internazionale, per ispirare il governo e la società civile in Italia, in un momento critico come la spesa dei fondi stanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR);
  • raccogliere feedback dalla comunità non governativa italiana per migliorare ulteriormente le offerte di pubblicazione dei dati da parte del governo.

Durante l’incontro, a cui partecipa un rappresentante della Task Force per il Governo Aperto del Dipartimento della Funzione Pubblica, saranno presentate le azioni di ANAC a sostegno della digitalizzazione delle procedure per contratti pubblici e appalti, inclusa la creazione del fascicolo digitale e del bando tipo per le gare pubbliche, che segnerà il passaggio definitivo al digitale.

Negli ultimi anni, l’Italia ha sostenuto la trasparenza nell’agenda della spesa pubblica a livello internazionale, compresi gli ambiziosi impegni all’interno del G20 e del G7, accelerando la digitalizzazione, la trasparenza e la responsabilità degli appalti pubblici. ANAC sta attualmente implementando l’Open Contracting Data Standard (OCDS) per raccogliere e pubblicare tutte le informazioni contrattuali disponibili come dati aperti di facile utilizzo in un portale in lavorazione, a disposizione di cittadini e stakeholder per monitorare gli appalti e prevenire la corruzione.

Sul sito di Open Contracting Partnership è disponibile un prontuario sul tema, il programma dell’evento ibrido (in presenza e online) e il modulo di iscrizione.