Dal 25 agosto è disponibile sulla Piattaforma ParteciPa la consultazione pubblica per l’avvio del processo di co-creazione del quinto Piano d’Azione Nazionale per l’Open Government (V NAP). La consultazione è aperta alle Organizzazioni della Società Civile (OSC) aderenti all’Open Government Forum e alle pubbliche amministrazioni coinvolte nel IV NAP ed è focalizzata sulla raccolta di contributi utili per una riflessione sull’esperienza del IV NAP e per la creazione di un Forum Multistakeholder che sarà parte attiva nella definizione del V NAP.

 

Evoluzione dell’Open Government Forum

Dal 2016, anno di costituzione dell’Open Government Forum, la collaborazione tra le OSC interessate alle politiche di governo aperto e le amministrazioni afferenti a diversi livelli di governo ha dato il via a molte iniziative a sostegno di trasparenza, partecipazione e cittadinanza digitale. La Plenaria OGP Italia del 30 Luglio 2021 ha rappresentato una preziosa opportunità per migliorare il dialogo fra le due componenti del Forum e per discutere delle condizioni sulla co-creazione e sull’attuazione condivisa di azioni di impatto sulle comunità, sia a livello nazionale che locale, da implementare nel corso del V NAP. Il confronto ha sancito la necessità di allargare la partecipazione al Forum e trasformare il forum stesso in un Forum Multistakeholder, con lo scopo di rendere l’iniziativa OGP Italia sempre più aperta e inclusiva dei diversi punti di vista degli stakeholder. La consultazione, online fino al 19 settembre, ha come oggetto le proposte e i suggerimenti da parte delle OSC su processi, contenuti e attori protagonisti del nuovo Forum.

 

Il V NAP nel contesto internazionale

La partecipazione dell’Italia all’Open Government Partnership (OGP) ha facilitato l’attuazione concreta dei principi del governo aperto, a partire dagli impegni assunti nel corso di quattro successivi Piani d’Azione Nazionale.  Il contesto attuale, dovuto alla crisi determinata dalla pandemia di COVID-19, ha mostrato che l’adozione di politiche di governo aperto è sempre più sollecitata dalla società civile, che le percepisce come indispensabili nella vita democratica, sia a livello europeo che a livello globale. Si rende necessario quindi definire una strategia nazionale per sostenere e promuovere la cultura del governo aperto, sia in ambito pubblico che nella società civile, al fine di coordinare gli sforzi verso un’unica direzione e supportare l’attuazione concreta dei principi di trasparenza, partecipazione e cittadinanza digitale a vantaggio di tutti i cittadini, a partire dalle comunità più svantaggiate.

L’Italia, attraverso l’avvio del V NAP, sancito simbolicamente da una consultazione, vuole evidenziare la fiducia e l’impegno in un nuovo patto di collaborazione tra amministrazioni e società civile. In questa prospettiva, la definizione del nuovo NAP poggia su nuove basi rispetto ai precedenti piani, in quanto attiva sin da subito una modalità di costruzione realmente partecipata e soprattutto orientata a definire pochi ma incisivi impegni per attuare una gestione trasparente del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). In vista del ruolo di guida dello Steering Committee dell’OGP nel 2022, l’Italia vuole proporre un metodo di lavoro aperto per valorizzare il ruolo centrale delle organizzazioni di cittadini.